Chi è Jesus Corona?

Il Milan segue con interesse la situazione di Jesus Corona, il messicano, in possesso di passaporto portoghese, può essere un’occasione interessante. Il suo contratto scade a giugno 2022.

 

Non è mai facile trattare con i Dragoes, e Il prezzo del 28enne non sarebbe inferiore a 13 milioni di euro.

 

Si cerca di prenderlo con la formula del prestito con diritto di riscatto se rinnova con i portoghesi, si attende ancora per capire meglio la situazione tra il giocatore e il suo club.

 

Ma chi è Jesus Corona? Può fare bene al Milan? Scopriamolo insieme, caratteristiche e carriera.

 

Jesús Manuel Corona Ruiz è nato a Hermosillo il 6 gennaio del 1993, è un calciatore messicano, centrocampista del Porto e della nazionale messicana.

Entra nel settore giovanile del Monterrey nel 2008 e poi nel 2010 fa il debutto in Prima Squadra bruciando i tempi. Con 54 presenze, 7 gol e 6 assist si fa notare fuori dal Messico, e così arriva il Twente, che investire circa 3,5 milioni di euro per portarlo nei Paesi Bassi nell’estate 2013.

 

L’approdo in Europa non è semplice, infatti non si ambienta molto bene, ha avuto bisogno di tutta una stagione per capire come giocare in Eredivisie e vivere in un altro continente.

 

Nella sua prima stagione gioca soltanto 15 partite, con due gol, ma pochi minuti in campo, senza lasciare ottimi ricordi, solo di essere un bravo riserva in caso di necessità.

 

Ma nella seconda stagione, tutto cambia rapidamente, conquista la titolarità, con 31 presenze, 11 gol e 5 assist tra tutte le competizioni. Guadagna anche la chiamata della nazionale maggiore del Messico. 

 

Si fa notare molto tra nazionale e in Olanda, molte squadre iniziano a monitorarlo da vicino, alla fine è il Porto nell’estate 2015 a spendere circa 10,5 milioni per farlo approdare in Portogallo. 

 

Con la maglia dei Dragoes esplode, totalizzando 269 partite, 31 gol e 68 assist, oltre a vincere per due volte il campionato, una coppa e una supercoppa, da protagonista.

 

Con la maglia del Messico fa 9 reti e 8 assist in 56 partite. È soprannominato El Tecatito, ispirato alla birra messicana Tecate.

 

È un’ala offensiva, destro raffinato e preciso, ma utilizza alla grande anche il piede sinistro. Bravo partendo come esterno alto, posizione in cui può sfruttare la sua velocità e le sue grandi doti tecniche sia nel dribbling che nel passaggio smarcante. 

 

Ha uno stile di gioco simile al suo ex compagno di squadra, una leggenda del Monterrey, Jesús Arellano, il quale ha confessato di averlo aiutato molto nei primi mesi di crescita.

 

Molte veloce a smarcarsi e attaccare gli spazi, non sta mai fermo, infastidendo continuamente le difese avversarie.

 

Bravo a fare assist e creare gioco, sa sempre il momento giusto per servire i compagni, infatti in carriera ha fatto più assist che gol. 

 

Sarebbe perfetto per sostituire Castillejo, ha sempre velocità ma anche più forza fisica, con un tocco più preciso e più visione di gioco.

 

Da ricordare anche la tanta esperienza internazionale, in Champions, in CONCACAF, con la nazionale, insomma, abituato a giocare ad alti livelli, in competizioni importanti.

 

Potrebbe essere titolare subito e regalare a Pioli tante più scelte lì davanti.

 

Ma tu che ne pensi di Jesus Corona? Può essere il nome giusto per il Milan? Può far bene in serie A? Lascia un commento qui sotto!

Lascia un commento