Nel Fantacalcio bisogna avere, per fare la differenza, pazienza e costanza.

Per vincere al fantacalcio, ci vogliono tanti attributi importanti, ma due di questi sono fondamentali.

Per non perdere di vista il nostro obiettivo, la concentrazione e la testa. Serve tanta pazienza nei momenti di difficoltà, oppure nei momenti più importanti della stagione.

Non dobbiamo perdere punti inutilmente per una sciocchezza,  ma prendere più bonus possibili. Se andiamo per esempio all’asta di fantacalcio, già pensando di andar via, oppure nervosi per qualche motivo, non avremmo pazienza e ci mancherà la concentrazione.

Poi durante gli scontri più importanti dell’asta, sono nervoso e non concentrato, senza la pazienza e stato d’animo necessari per fare i rialzi al meglio.

Questa tua ansia e nervosismo vengono usati contro di te, durante l’asta, ma anche, in tutte le occasioni dove perdi la testa. La pazienza e una dote fondamentale per affrontare al meglio la stagione.

La seconda dote importante, è la costanza!

Non mollare mai durante la stagione, fai quello che serve per vincere. Non perdere punti per strada, schiera sempre la formazione, alla fine la costanza ti ripagherà con tanti punti in più, rispetto a quelli che non si sono impegnati fino alla fine.

Pensa anche alla brutta figura che farai con te stesso e con gli altri, un conto è perdere meritatamente la partita, perché il tuo avversario è stato più bravo. Un conto è perdere perché non hai fatto la formazione, cambiando la classifica a sfavore tuo e di qualcun altro.

Creati un calendario dedicato, un avviso sul telefono, insomma! Qualcosa che ti ricordi sempre di schierare la rosa per ognuna delle 38° giornate.

Non perdere la serietà e la faccia verso gli altri, ma specialmente verso te stesso.

Se studi sempre il fantacalcio ed il calcio durante tutta la stagione, per schierare la miglior formazione possibile e fare il miglior mercato possibile, ultimo non arriverai mai.

Buon fantacalcio!

LASCIA UN COMMENTO

dai inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui