Strategia Underdog per il fantacalcio

Strategia Underdog per il fantacalcio

underdog - Strategia Underdog per il fantacalcio

Dopo che ti sei aggiudicato i tuoi 3/4 top players e qualche “anziano” della Serie A che ti da sicurezza, una grande strategia da adottare per completare la tua rosa è quella che viene chiamata “Underdog”.

In questa strategia devi puntare non su giocatori oramai affermati nel nostro campionato, ma su giocatori sconosciuti ai tuoi avversari.

Nei paesi anglosassoni, il termine Underdog significa “il perdente pronosticato”, cioè lo sfavorito per una certa partita o competizione.

La vittoria invece dell’Underdog viene chiamata “Upset” ed è proprio su questo che punterai durante l’asta, dovrai scoprire quali calciatori possono sorprenderci nel prossimo campionato.

Molti dei nuovi arrivi e promesse vengono sottovalutati per mancanza di conoscenza, per questo è sempre molto importante studiare tutte le squadre del campionato.

Più informazioni hai, più probabilità hai di vincere al Fantacalcio, se conosci bene le statistiche e la storia dei nuovi acquisti delle squadre di seconda fascia, potrai comprare qualche “Underdog” con pochi fantamilioni.

Molte volte questi non vengono neppure “astati”, nessuno li vuole per pura ignoranza, ma se lo conosci bene il giocatore, sapendo che, per esempio, nel campionato tedesco a segnato 5 gol e fatto 20 assist nell’ultima stagione e che sarà uno dei perni del centro campo del Cagliari.

Beh, credo che non lo lascierai sfuggire facilmente, o meglio, lo prenderai a 1!

Che sia molto chiaro, non puntare solo su questi tipi di giocatori, questa strategia deve essere bilanciata e impostata dopo aver preso i tuoi 11 titolari, tra cui i Top Players che possono fare la differenza.

Non rischiare tutto sugli Underdog, può essere entusiasmante scoprire 2 o 3 fenomeni che nessuno si aspettava, ma è troppo azzardato puntare tutto su di loro.

Il fascino che possono avere gli “Underdog” è indiscusso!

underdog 2 - Strategia Underdog per il fantacalcio

Sebbene la maggior parte degli studi sulla comunicazione, evidenzia che le persone in generale su tutti gli aspetti della loro vita, ma anche i tifosi di calcio, hanno una naturale propensione a “salire sul carro dei vincitori”(Bandwagon Effect).

È molto evidente una tendenza a supportare il contendente dato per sfavorito, anche da parte dei giornalisti.

Quando giocano i top player, tutti si aspettano che diano il massimo e ad una piccola sbavatura il loro voto finale cala tantissimo.

Invece se gioca un neo acquisto, al suo esordio nella competizione i suoi voti saranno influenzati, appunto, dal fatto che lui sia ancora un esordiente.

Non esagerare comprandone tantissimi “Underdog”

Prendine massimo 5 “Underdog”, se possibile a 1 fantamilione, il resto investi su chi ti può dare più sicurezza, su giocatori pilastri, su quelli che da anni hanno una buona media.

Ci deve essere un mix di giocatori senza esagerare ne da una parte ne dall’altra.

Devi essere un bel talent scout per utilizzare la strategia “Underdog”.

Se non hai voglia di studiare e cercare sui vari siti e portali dedicati al calcio, su Sky o Premium, sui giornali e sulla radio i nuovi talenti o sorprese del campionato allora questa strategia non fa per te.

Posso scoprire e capire come giocheranno queste sorprese soltanto se ho una buona conoscenza calcistica.

Se conosco bene la struttura delle rose, come gioca quella squadra con quel allenatore, come si muovono in campo, il ruolo che può avere quel giocatore in quella squadra, se sarà un rigorista o tira le punizioni ecc.

Allora sì, posso prevedere come sarà la stagione di quel “Underdog”, limitando i rischi del mio investimento, come si comporterà il calciatore scelto durante il campionato è fondamentale.

Più credi di “non sapere tutto” e studi, più probabilità avrai di trovare il giocatore che fa per te, quanti “Fantallenatori” studiano i giocatori arrivati dal campionato Greco o dalla più vicina Serie B italiana.

Non conoscono manco, in alcuni casi, la rosa della Juventus o Inter per completo!

Quanti calciatori sono andati a fare esperienza in Serie B oppure all’estero per poi tornare in A e fare stagioni al dir poco brillanti.

Alcuni hanno fatto quasi tutta la carriera in B per poi giocare a livelli altissimi anche in A.

L’ultimo esempio di questo si chiama Francesco Caputo, con l’Empoli nella prima partita di esordio in Serie A segna al 52° il suo secondo gol battendo il Cagliari 2-0, dopo lunghi anni di permanenza in B.

Ma questo è successo anche con tantissimi altri come Lasagna, El Shaarawy, Florenzi  ecc.

Che partiti dai vivai di grandi club, prima di rientrare alla casa madre, hanno dovuto fare esperienza in B o  all’estero.

Nella strategia “Underdog” devi essere sia furbo che intelligente in fase d’asta, non tirare fuori subito i loro nomi, prendi prima i veterani, poi nel momento giusto fai il nome del calciatore che hai scelto.

Non spendere tanto, anzi fai in modo di prenderli a poco per risparmiare il più possibile, così potrai investire di più su altri “sicuri”.

Completa la tua rosa, non farti scappare la rivelazione del campionato.

Lascia un commento